Spegniamo Rete4

Quando Mercoledi 7 Maggio scrissi del Caso Europa7 su questo blog, pur con lo sconcerto e con l’indignazione per una vicenda che si trascina da quasi nove anni non trovando un epilogo razionale e legale anche di fronte a delle sentenze della Corte di Giustizia Europea a causa delle reiterate e perpetrate violazioni al diritto comunitario esercitate dal nostro “homo novus” della politica, Silvio Berlusconi, non potevo immaginare che a distanza di neanche un mese, intorno a tale “affaire”, si sarebbe alzata un pò di polvere.

Perchè alla luce di quello che sta accadendo in questi giorni nel nostro Paese, non si può certamente dire che le reazioni espresse siano di intensità tale da scalfire la granitica fermezza del faccendiere di Arcore di portare a termine, a norma di legge, un altro suo progetto privato dal quale derivano, ovviamente, notevoli introiti pubblicitari e aziendali da smistare non nelle casse dello stato ma in quelle della sua azienda Mediaset.

Quindi con la speranza che nessun si sia illuso o abbia avventato un mezzo sorriso oggi nell’apprendere che il Partito Democratico e l’Italia dei Valori, vera ed unica opposizione, siano riusciti nell’intento di indurre il sottosegretario alla Comunicazione Paolo Romani a modificare per la seconda volta in due giorni il testo dell’emendamento che per quanto potrà essere revisionato non sarà nè potrà essere mai accettabile, da parte della cittadinanza seria, onesta e che pretende giustizia, fino a quando non si darà piena attuazione alle sentenze della Corte Costituzionale e alla Corte di Giustizia Europea che sanciscono l’illegittimità tanto della legge Gasparri quanto del regime transitorio che consentirebbe a chi detiene attualmente le frequenze analogiche di raddoppiare quelle del digitale (quando verosimilmente nel 2015 si sposteranno tutti sul digitale) estromettendo di fatto dal libero mercato e da una trasparente concorrenza Francesco Di Stefano ed Europa7, occorre che quanta più gente possibile si informi di quello che accade nel nostro paese e si faccia di conseguenza una propria idea.

Sul Corriere della Sera e su La Repubblica di oggi non si fa che parlare delle rivalse politiche della Melandri o di altri del Pd nei confronti di quelli del Pdl col solo Donadi dell’Idv molto cauto nei toni nonostante sia stato ritirato uno dei commi peggiori introdotti nel decreto che solo di facciata recepisce le istanze provenienti dall’Europa in quanto è evidente che il legislatore italiano non adempie e non accoglie, come dovrebbe essere, il diritto comunitario a cui bisogna ottemperare.

Non si parla di Europa7, non si parla dell’infrazione che costerà a noi cittadini, retroattivamente dal primo gennaio 2006, quasi 350 mila euro al giorno che fanno centinaia di milioni di euro sperperati inutilmente, non si parla dei quasi 2 miliardi di euro che verranno dati a Francesco Di Stefano come risarcimento danni per non aver mai potuto avviare le sue produzioni nonostante il parere favorevole dei diversi organi della Magistratura Italiana ed Europea cosi arrogantemente vilipese dal nostro Presidente del Consiglio, non si parla dell’incostituzionalità della Legge Gasparri, non si parla di niente di quello che dovrebbe essere al centro del tema di discussione soprattutto se si parla di Rete4 e di Europa7.

Si parla, invece, di cosa pensano i politici di destra e di sinistra.

E se pensiamo che un Vespa o un Floris dedichino una puntata dei loro fatiscenti e indegni rotocalchi televisivi a questi temi che tanto affliggono milioni di italiani, saremmo solo degli stolti e degli ingenui.

Bruno Vespa sta preparando una nuova serie di trasmissioni per la Franzoni e per il Processo di Cogne con sociologi e opinionisti vari ospiti fissi, Giovanni Floris una serie speciale che consentirà a qualche rappresentante del Governo di osannare il loro miracoloso operato in queste prime settimane.

Questa è oggi l’Informazione in Italia?

Se avessimo solo questi strumenti, ci sarebbe molto da piangere oltre ad esprimere una buona dose di rabbia e di sgomento, ma per fortuna attraverso la Rete è possibile discernere il marcio dal sano e chi ha sete di libera informazione su questo come su altri temi ha solo l’imbarazzo della scelta perchè dalla rete si sta alimentando una nuova rivoluzione culturale e sociale che diventerà presto epocale che sgominerà questa truppa di manigoldi e di truffoli arroccati sui loro scranni di maleodorante potere.

Consiglio, a tal proposito, le seguenti letture:

Perdura in Europa l’anomalia italiana
Emendamento «SalvaRete4». La logica del privilegio
Emendamento salva-Rete4: furbizia e mezze verità
Stop all’emendamento salva Retequattro. La prima legge vergogna del governo Berlusconi ter
Tv: i parlamentari devono decidere il loro comportamento parlamentare sulla base dei sondaggi?
Note tecniche relative al decreto Salva-Rete4

Se un tempo si inneggiava alla Resistenza, oggi bisogna inneggiare alla Libera Informazione in Libero Stato.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • `°*ஜღ Moka ♥ღஜ*°´  On 28 maggio 2008 at 21:01

    ciao!! mi chiamo Moka e sono arrivata grazie ad un’ amica blogger che mi ha parlato bene del tuo blog 🙂 e devo dire che concordo con quanto mi è stato detto….Io gestisco un blog di gruppo, se ti va di visitarlo questo è il link http://webcaffeina.blogspot.com mi piacerebbe sapere se ti andrebbe di unirti ai collaboratori. Ne sarei felice, fammi sapere! un saluto, Miaop.s. se ti va ti aspetto anche nel mio blog personale http://www.animafelina.com

Trackbacks

  • […] Di questa vicenda, infine, ne ho scritto diffusamente sin dall’inizio, anno 2008 circa. Qui, qui e qui i post dedicati ad Europa7 – ero ancora sull’altro blog – e al suo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: