Mafia. Se Dell’Utri chiede di indagare.

E dunque si faccia una bella commissione parlamentare d’inchiesta sulla stagione delle stragi di mafia. Siamo sinceri: chi tra gli antimafiosi non direbbe in astratto “finalmente!”? Solo che le cose hanno una loro concretezza…Solo che la proposta l’ha lanciata il senatore Marcello Dell’Utri.

A settembre, se ancora non l’avrà fatto il Pdl, ci penserà lui a metterla nero su bianco. Ossia l’uomo che portò il boss assassino di Cosa Nostra Vincenzo [Vittorio, ndr] Mangano, da lui considerato “un eroe”, a soggiornare nella villa di Arcore. Il parlamentare condannato in primo grado a nove anni di carcere per associazione mafiosa.

Colui che, interrogato sull’esistenza della mafia, rispose plasticamente che, se esiste l’antimafia, vuol dire che esiste anche la mafia. Certo è vero, come egli argomenta, che “non si può stare a sentire parlare di accordo tra Stato e mafia come fosse un accordo tra Confindustria e sindacato”. Ma da quando, ecco la domanda, il senatore considera la mafia un nemico mortale suo, degli italiani e dello Stato? Di nuovo la concretezza. E in effetti chi ha studiato la materia sa che le indagini sulle stragi lambirono, da parte di più procure, l’impero berlusconiano. Senza giungere a conclusioni di rilievo penale, tanto da essere archiviate.

Ma lasciando, nelle carte, tracce di una qualche episodica e inquietante prossimità, connessioni logiche, indizi e supposizioni possibili, che non fu certo un orchestratore occulto a gettare sulle scrivanie degli investigatori. Ora a quelle indagini potrebbero essere offerti nuovi scenari e connessioni dalle dichiarazioni di Massimo Ciancimino, figlio di don Vito Ciancimino, il cervello politico storicamente più vicino ai corleonesi. E non occorre molto per capire che il contenuto delle sue dichiarazioni è il misterioso oggetto del desiderio di chi potrebbe esserne coinvolto, a qualunque titolo. Che un mondo assai articolato è in subbuglio.

Totò Riina ha già detto la sua, in tono vagamente minaccioso. Una commissione d’inchiesta parlamentare, dotata degli stessi poteri della magistratura, avrebbe titolo a chiamare testimoni, a imporre deposizioni, a convocare gli stessi inquirenti. Potrebbe anche, per inesperienza, offrire la ribalta a deposizioni inattendibili, legittimare fior di depistatori per poi accusare di ogni peccato i magistrati. Insomma: se si vuole la verità su quella stagione oggi che le indagini si stanno riaprendo, l’inchiesta parlamentare è del tutto sconsigliabile.

Sarebbe come dare alla politica (che ne può essere toccata) la possibilità di “buttarla in politica” e di indirizzare secondo i suoi interessi la ricerca della verità. Dati fatti e premesse, sarebbe una follia.

Concretamente.

Mafia. Se Dell’Utri chiede di indagare, Nando Dalla Chiesa

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: