Ior. La Santa Sede non risponde alle rogatorie

Qualche settimana prima delle feste natalizie, in prossimità del varo della manovra di Monti, fece parecchio scalpore – anche a seguito di alcuni scoop firmati sia da Report sia dal segretario dei Radicali, Mario Staderini – la scaltrezza con cui il Vaticano rispose alla critica di non pagare la tassa nota come Ici (ora Imu) per i beni di proprietà dello Stato del Vaticano non destinati a funzioni di culto, quali per esempio gli ostelli e tutte le attività commerciali. Critica tanto più vigorosa alla luce dell’italica crisi economica – finanziaria – politica a causa della quale non pochi milioni di italiani si sarebbero ritrovati, in vista del nuovo anno, a fare i conti con una tassazione consistente, poi giudicata unanimemente poco equa e poco calibrata su tutti i ceti sociali del Paese.
Ora, a distanza di alcune settimane, e per gli amanti del genere letterario “La Chiesa è santa, forse, solo a parole”, ecco il possibile boom con gli inediti sviluppi sulle inchieste che riguardano la potentissima Banca dello Stato del Vaticano, lo Ior.
 
Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: