La nuova legge elettorale

Lo scrissi ieri. Le primarie di Palermo rischiano seriamente di essere ricordate non per la vittoria sorprendente di Ferrandelli, ma per ciò che potrebbero rappresentare. L’esordio assoluto del Partito Unico di governo. Da Palermo a Roma. E’ questo, infatti, lo scenario che rischia di manifestarsi con la nuova legge elettorale, su cui stanno lavorando i tre principali partiti che sostengono l’esecutivo Monti: il Pdl, l’Udc e il Pd. Bisognerebbe fermare subito questo tentativo di stupro politico riconsegnando davvero dignità alla Politica e al nostro Paese con una legge elettorale che parta dagli esiti del referendum – di cui nessuno parla più – ossia dalla possibilità per gli elettori di scegliersi davvero e non a finta i propri rappresentanti e che questi siano, appunto, rappresentativi. Perchè oggi la crisi della politica è anche una crisi di rappresentanza. E, quindi, bisognerebbe prevedere anche l’istituto delle primarie per i parlamentari. Per il nuovo Parlamento. Per un Parlamento costituente che faccia quello di cui il Paese ha bisogno. Senza perdere ulteriore tempo. In caso contrario, poi, nessuno si stupisca che oggi i partiti hanno una fiducia soltanto del 4%.

Pdl, Pd e Terzo Polo stanno trovando l’accordo per un sistema di tipo tedesco, con sbarramento al cinque per cento, introducendo dei correttivi mutuati dalla legge in vigore in Spagna e inserendo un bonus in termini di seggi per i partiti che superano l’11%. Obiettivo dichiarato e comune è quello di limitare la frammentazione parlamentare. Un ritorno al proporzionale, dunque, che cancella il premio di maggioranza ma riconosce un bonus di seggi ai partiti che incassano più dell’11% a scapito di quelli che superano il 5%: in base al numero di voti conquistati, infatti, alle forze minori vengono assegnati meno seggi, redistribuiti ai partiti maggiori.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Trackbacks

  • […] elettorale non c’è ancora, ma già fa discutere. Avevamo abbozzato un ragionamento dopo le Primarie di Palermo, sulla base dei tumulti politici che erano avvenuti durante tutta la campagna elettorale, con il […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: