La proposta di legge regionale contro il conflitto di interessi

Ne avevo già parlato qui, qualche giorno fa. Oggi, in conferenza stampa, è stato presentato il testo, che riporto integralmente qui sotto. L’iniziativa è stata assunta dal Pd Puglia, per volontà politica del segretario regionale, Sergio Blasi, e del capogruppo alla regione, Antonio Decaro.

Art. 1. Ambito soggettivo di applicazione.
1.Agli effetti della presente legge, per titolari di incarichi di rappresentanza e di governo regionale si intendono il presidente della giunta regionale, i consiglieri, gli assessori, i concessionari di servizi pubblici regionali nonché i titolari di incarichi di amministrazione, direzione e controllo in enti, istituti, agenzie, aziende o società dipendenti, controllati, vigilati, finanziati o partecipati, a qualsiasi titolo e anche indirettamente, dalla Regione.
Art. 2. Obbligo di astensione.
1.I soggetti di cui al comma 1 dell’articolo 1 nell’esercizio delle loro funzioni devono dedicarsi esclusivamente alla cura degli interessi pubblici; essi hanno l’obbligo di astenersi da ogni atto idoneo ad influenzare, specificamente o anche soltanto astrattamente, in virtù dell’ufficio ricoperto, gli interessi propri, del coniuge e dei parenti e affini entro il secondo grado.
2.I soggetti di cui al comma 1 non possono partecipare alle deliberazioni degli organi di appartenenza, né adottare atti di rispettiva competenza, in situazioni o materie che possano coinvolgere, direttamente o indirettamente, interessi propri, del coniuge e di parenti e affini entro il secondo grado.
3.Sulla sussistenza delle situazioni e delle materie determinanti l’obbligo di astensione di cui al comma 2, per i consiglieri delibera il consiglio, per il presidente della giunta e per gli assessori delibera la giunta, per gli altri soggetti provvede il presidente della giunta.
4.I regolamenti del consiglio e della giunta, da adottarsi entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge, assicurano adeguate forme di pubblicità agli adempimenti di cui al comma 2, rendendo noti i casi di mancata partecipazione a deliberazioni e mancata adozione di atti motivate ai sensi del medesimo comma.
Art. 3. Incompatibilità con funzioni pubbliche, rapporti di lavoro dipendente, incarichi direttivi in enti pubblici e imprese.
1.E’ incompatibile con la carica di consigliere e con gli incarichi di governo regionale ogni impiego pubblico e privato nonché ogni carica o ufficio privato e pubblico diverso dal mandato consiliare regionale e non inerente alla funzione svolta.
2.I dipendenti pubblici e privati che assumono la carica di consigliere o un incarico di governo regionale sono collocati immediatamente in aspettativa, senza pregiudizio della propria posizione professionale e di carriera. Si applicano le disposizioni concernenti l’aspettativa per mandato elettivo regionale vigenti nei rispettivi ordinamenti.
3.I consiglieri regionali e i titolari di incarichi di governo regionale non possono esercitare, in enti pubblici nonché in enti privati aventi ad oggetto anche non principale lo svolgimento di attività imprenditoriali, funzioni di presidente, amministratore, liquidatore, sindaco o revisore, né analoghe funzioni di responsabilità comunque denominate.
4.I consiglieri regionali e i titolari di incarichi di governo regionale, che esercitino attività professionali o comunque di prestazione di servizi, non possono assumere incarichi di qualsivoglia natura da parte della Regione, degli Enti Territoriali nonché da parte di enti pubblici dagli stessi controllati o partecipati; il divieto si estende alle associazioni di professionisti di cui i consiglieri regionali ed i titolari di incarichi di governo regionale fanno parte ovvero alle società di professionisti nelle quali gli stessi detengano una quota ovvero una partecipazione superiore al 10%.
5.I consiglieri regionali e i titolari di incarichi di governo regionale devono rimuovere ogni situazione di incompatibilità entro il termine perentorio di un mese a decorrere dalla proclamazione nella carica o dall’assunzione dell’incarico.
6.In caso di inottemperanza, il presidente del consiglio per i consiglieri e il presidente della giunta negli altri casi assegnano un termine non superiore a trenta giorni per la cessazione della causa di incompatibilità, decorso il quale viene dichiarata la decadenza, rispettivamente dal consiglio per i consiglieri, dalla giunta per gli assessori, dal presidente della giunta negli altri casi.
6.Se inottemperanti sono il presidente del consiglio o il presidente della giunta, il termine è assegnato dal consiglio.
Art. 4. Dichiarazione della proprietà fondiaria e delle attività economiche.
1.Entro venti giorni dall’assunzione dell’incarico i soggetti di cui all’articolo l comunicano alla presidenza del consiglio e alla presidenza della giunta tutti i dati relativi alla proprietà di immobili in territorio della Regione e alle imprese delle quali, direttamente o indirettamente, essi stessi, il loro coniuge, i loro parenti e affini entro il secondo grado detengono o hanno detenuto nei dodici mesi precedenti la titolarità o il controllo ai sensi dell’art. 2359 del codice civile, dell’articolo 7 della legge 10 ottobre 1990 n. 287 e delle altre disposizioni di legge vigenti in materia, ovvero una partecipazione superiore al due per cento del capitale sociale. Essi sono tenuti ad analoga comunicazione per ogni successiva variazione dei dati forniti, entro quindici giorni dal verificarsi della stessa.
2.Entro quarantacinque giorni dalla comunicazione di cui al comma 1, la presidenza del consiglio per i consiglieri e la presidenza della giunta negli altri casi accertano, tenendo conto delle eventuali precisazioni degli interessati e di ogni altro elemento, se le proprietà e le attività economiche di loro pertinenza sono rilevanti, allo stato, ai fini della presente legge.
3.La mancata o tardiva comunicazione di cui al comma 1 determina una situazione di incompatibilità, con attivazione della procedura di cui ai commi 4, 5 e 6 dell’articolo 3.
Art. 5. Proprietà fondiaria rilevante.
1. Sono proprietà rilevanti ai fini della presente legge quelle che superano l’estensione di un ettaro in territorio urbano e di cinque ettari in territorio extraurbano.
Art. 6. Attività economiche rilevanti.
1.Sono attività economiche rilevanti ai fini della presente legge:
a)le imprese esercenti mezzi di comunicazione di massa;
b)le imprese operanti nel settore dell’edilizia e dei lavori pubblici;
c)le imprese commerciali e di servizi che abbiano partecipato negli ultimi tre anni a gare di appalto pubblico bandite nel territorio della Regione o abbiano comunque fornito beni o prestazioni a enti pubblici o a enti, istituti, agenzie, aziende o società dipendenti, controllati, vigilati, finanziati o partecipati – anche indirettamente e a qualsiasi titolo – dalla Regione o da altri enti pubblici;
d) i concessionari di servizi pubblici.
2.Il competente ufficio di presidenza comunica immediatamente all’interessato l’esito dell’accertamento di cui al comma 2 dell’articolo 3.Un decimo dei componenti del consiglio regionale può comunque chiedere al competente ufficio di presidenza, in ogni tempo e a distanza di non meno di sei mesi dal precedente accertamento, di disporre nuovo accertamento ai sensi del comma 2 dell’ articolo 5.
Art. 7. Limiti alla trasformazione edilizia della proprietà.
1.I soggetti di cui all’articolo 1, qualora siano titolari di proprietà rilevanti ai sensi dell’articolo 5 o di attività economiche rilevanti ai sensi dell’ articolo 6 comma l lettera b) della presente legge, per tutta la durata del mandato non possono ottenere l’approvazione di strumenti urbanistici esecutivi e progetti riguardanti anche parzialmente i suoli di loro proprietà. In caso di approvazione di strumenti di pianificazione urbanistica generale e loro varianti, nonché di pianificazione territoriale e paesaggistica, nessuna trasformazione edilizia può essere assentita in loro favore se la nuova disciplina risulti più favorevole.
Art. 8. Limiti all’esercizio delle attività economiche rilevanti.
1. I soggetti di cui all’ articolo 1, qualora siano esercenti attività economiche rilevanti ai sensi dell’articolo 6, comma 1 della presente legge, per tutta la durata del mandato non possono partecipare a gare per appalti pubblici di lavori, servizi e forniture banditi dalla Regione e dagli altri soggetti di cui all’articolo 1 o finanziati anche parzialmente dalla Regione stessa, o sottoposti ad approvazioni, autorizzazioni o controlli regionali anche di tipo settoriale, comunque denominati, né altrimenti acquisire commesse o instaurare rapporti contrattuali a qualsiasi titolo.
Art. 9. Decadenza.
1.In caso di inottemperanza alle disposizioni di cui agli articoli 4, 5, 6, 7 e 8 della presente legge, l’interessato decade dall’incarico.
2.La decadenza è dichiarata, previo procedimento In contraddittorio con l’interessato, dal consiglio regionale per i consiglieri e per il presidente della giunta, dalla giunta per gli assessori e dal presidente della giunta negli altri casi.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: