C’é un Sud che vorrebbe parlare al Paese

Dopo il ministro Fabrizio Barca, anche Marco Rossi Doria, Sottosegretario all’Istruzione, scrive a #queibraviragazzi di Giù al Sud. E le sue parole valgono tanto, tantissimo.

E’ importante quindi che un gruppo di persone si faccia carico di un racconto collettivo che restituisca complessità, attualità e capacità di reazione a una Questione Meridionale tutt’altro che superata. E dia voce anche alle molte cose buone e innovative che si sono fatte. Quello che serve è il racconto delle pratiche, delle azioni concrete che si realizzano. Il racconto scevro di autocommiserazione e ricco di impegno civile e quotidiano di chi ha trovato strade- anche se non prive di ostacoli- per affrontare i problemi. In quest’ottica il racconto non è più fine a se stesso- sempre che lo possa essere, dato che raccontare significa restituire con le parole una realtà anche a chi non la vive in prima persona, rendendo possibile la condivisione e quindi l’azione collettiva- ma diventa la premessa per la continuazione e l’estensione di quelle cose che funzionano e per il cambiamento di quelle che irrimediabilmente riproducono e aggravano i problemi.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: