“Il potere è un narcotico”

Oggi la parola “potere”, forse ancor più della parola “politica”, non gode di ottima salute. La spiegazione è nella cronaca ormai quotidiana che racconta di scandali su scandali in cui sono coinvolti, a tutte le latitudini e in moltissime Istituzioni, gli eletti, quelli che dovrebbero essere i “nostri dipendenti”, dei cittadini. Esercitando le loro funzioni nel nome dell’interesse pubblico e collettivo. Il potere, anche il più piccolo, nelle mani di un animo incapace di gestirlo virtuosamente diventa il manganello per aggredire chi, senza potere, cerca di tenere su, alta, la testa. Il potere, anche il più piccolo, nelle mani di un animo contaminato dall’opportunismo e dal trasformismo, si trasforma nel grimaldello con cui aprire la cassaforte dell’etica pubblica. In moltissimi seminari, pur interessanti, ai quali ho avuto il privilegio di partecipare, raramente si è parlato di potere. Non posso, perciò, non apprezzare l’iniziativa – di cui riporto questo breve stralcio video – promossa congiuntamente dalle Associazioni “Cercasi un Fine” e “Timeo” che hanno aperto, venerdi scorso a Noicattaro, il secondo anno della scuola di formazione politica dedicata al tema delle autonomie locali, con questa lectio raffinatissima di Don Rocco D’Ambrosio. “Il potere oggi è visto negativamente, legittimamente, perché non è impiegato per fare del Bene; bisogna dare, pertanto, una finalizzazione etica e pratica al potere”. E questa rivoluzione, possibile, che deve partire dalle parole, coinvolge tutti, non soltanto i più giovani. Ma loro, i giovani di oggi, in particolare, devono impegnarsi e non spaventarsi, non temere il potere. Per questo è indispensabile investire prepotentemente nell’educazione e nella formazione. “Il potere è una belva, ti aggredisce. Per questo bisogna imparare a domarlo”. Per fare, appunto, del bene. Per una redistribuzione coerente, mediante la condivisione, del diritto alla cittadinanza. In caso contrario il potere prende il sopravvento, ci annulla, ci schiavizza e, come un narcotico, ci addormenta. Anzi, ci rincoglionisce.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: