Silvio si riprende il Paese?

13 04 2013 silvio a bari

E’ possibile, se non probabile. Tocca essere oggettivi e provare a rispondere a questo quesito, che in qualsiasi altra parte del mondo non sarebbe manco ipotizzabile se associato al politico che ha governato il Paese per quasi 9 degli ultimi 12 anni e per la cui gestione fallimentare ed irresponsabile – senza considerare, in questa sede, i suoi vizi privati a causa dei quali siamo stati sputtanati nel mondo – ci siamo ritrovati l’esecutivo Monti (con la complicità del Presidente Napolitano che lo ha detronizzato pur in assenza di una sfiducia politica/parlamentare e con quel che è sembrato un abuso di potere legittimato da quello superiore dei “mercati europei”), con la giusta dose di onestà intellettuale.

Per quanto la risposta, per la medesima onestà, e senza alcuna ipocrisia, mi generi una certa inquietudine. Avendo a cuore la tenuta etica e sociale del nostro Paese. Oggi soffocato dalla più grave crisi economica e finanziaria di sempre, corroborata dalla più grave crisi morale ed etica di sempre, con entrambe che hanno ottenebrato, pericolosamente, il senso dello Stato di tutta la classe dirigente italiana, gerontocratica e autoreferenziale.

E considerata, inoltre, la complicità e la contiguità culturale dell’attuale establishment del centrosinistra (praticamente lo stesso da 30 anni o quasi) che rappresenta il principale alleato politico dello “statista di Arcore”, pronto a rianimarlo politicamente ad ogni occasione, non essendo capace di concepire e di progettare, senza di lui, il cambiamento ineludibile di cui questo Paese ha un tremendo bisogno, mettendosi autocriticamente in discussione per le sue “mirabili e continue vittorie”.

“Il comizio di domani – scrivevo ieri – è il primo della nuova campagna elettorale che potrebbe aprirsi a breve se i suoi approcci “inciucisti” verso il Pd dovessero fallire“.

E sostanzialmente ha confermato, oggi pomeriggio, la mia riflessione:

“Ci sono due possibilità: o governo politico di larghe intese o si vota a giugno”.

Il comizio, in una gremita Piazza Prefettura, e introdotto dal contestatissimo striscione apposto arbitrariamente e scorrettamente sul Municipio dal Sindaco Emiliano (che ha cercato furbescamente, con questa iniziativa fintamente garbata ed ironica, di farsi pubblicità a livello nazionale), è stato, peraltro, assai deludente. Lo “shock” annunciato non c’è stato. Nè è stato annunciato il nuovo partito. E’ stato, invece, e come peraltro già annunciato nel post di ieri, il copione di sempre, recitato quasi con “sobrietà” non volendo far naufragare definitivamente la scialuppa di salvataggio su cui vorrebbe far salire Bersani, per un governo di larghe intese finalizzato soprattutto ad amnistiarlo, con un Presidente della Repubblica “gradito”, ove condannato. Con il saluto finale, anche questo da grandissimo comunicatore qual è, percepito come l’ennesimo “arrivederci”:

“Voglio ringraziarvi di nuovo per essere venuti qui. Grazie di avermi ascoltato con tanta attenzione. Vi ho fatti partecipi dei nostri propositi, speranze e preoccupazioni. La notte è più buia prima dell’alba. Non riusciranno a toglierci la nostra positività e le proposte per cambiare in meglio il Paese che amiamo. Vi abbraccio tutti. Continuate a volervi bene. Viva l’Italia, viva Forza Italia, viva il pdl, viva la libertà, viva la nostra e la vostra libertà”.

 

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • salvatorepalomba  On 14 aprile 2013 at 06:11

    O IN UN MODO O NELL’ALTRO CI SONO CIRCA LA META’ DEGLI ITALIANI CHE SONO STUPIDI MENTRE L’ALTRA META’ SAREBBERO I GIUSTI QUELLI CHE SONO DEI VERI ITALIANI CHE SI PREOCCUPANO DI COSA SARA’ IL FUTURO, MO’ IO CHIEDO A PRESCINDERE CHE NON SI PUO’ DIRE HA GOVERNATO 5 SU’ 7 ANNI OPPURE 20 SU’ 25, QUESTO GIOCO DI PAROLE LO USANO GLI PSITTACIFORMI POICHE’ RIPETONO PAROLE SENZA SAPERNE IL SIGNIFICATO, COME RITENGO CHE IL SIGNIFICATO POLITICA HA DIVERSE BANDIERE,NEL CASO SPECIFICO NON RITENGO LA BANDIERA DI CHI STA0 SBANDIERANDO CHIACCHIERE SENZA SENSO NON APPARTENGA AL SOTTOSCRITTO QUINDI, RICONTINUIAMO CON COLORO CHE NELL’ARCO DI 60 ANNI E PIU’ CI HANNO RIDOTTO ALLO STATO ATTUALE POICHE’ NON SI CONOSCONO NE’ COSA SIA IL SUDORE DEL LAVORO COSA SIANO I SACRIFICI COSA SIA L’ESPATRIARE COSA SIGNIFICA ESSERE ONESTI, IN POCHE PAROLE SE AVESSI POSSIBILITA’ DI FARE ORGE FESTINI TUTTI I MOMENTI POSSIBILI LO FAREI ALLA LUCE DEL GIORNO MENTRE FROCI PROSTITUTE PORNOSTAR E TANTISSIMO ANCORA CHE AD OGGI FUORIESCE DALLA MELMA CHE CI HA SEMPRE DIRETTI IN POLITICA NO, NON SE NE PARLA NO, ANCORA SI DEVE DAR RETTA A UNO CHE GIUDICA UNA PERSONA PER I SUOI VIZI SEMPRECHE’ SIANO VIZI QUALI POI, NULLA HANNO CHE VEDERE CON L’AMMINISTRAZIONE SOCIETARIA DENOMINATA POLITICA E NON SOLO, VA’ BENE CONTINUIAMO ANCORA COSI’, POICHE’ IL POLIPO SI DEVE CUOCERE CON LA SUA STESSA ACQUA E, AL MOMENTO E’ ANCORA CRUDO, CHI? COLUI CHE ANCORA CREDE NELLA SINISTRA.

    • Giuseppe Milano  On 14 aprile 2013 at 10:55

      Io per quanto abbia le mie simpatie politiche, non prendo le difese di nessuno per attaccare qualcun’altro. Cerco, anche forse sbagliando qualche volta, di analizzare i fatti per come si manifestano. Viviamo un tempo molto complesso ed evidentemente l’analisi deve svilupparsi su altri registri visto che sono decenni che l’Italia è bloccata. A prescindere anche da B. ma certamente nel ventennio berlusconiano abbiamo assistito a cose mai viste nei tempi precedenti. E se è vero che le Istituzioni sono anche lo specchio del Paese, la loro crisi significa nettamente che noi italiani dobbiamo interrogarci seriamente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: