Archivi delle etichette: Epolis

C’è un mondo che non conosciamo

L’intervista fatta ieri, per Epolis, a Khadim, il ragazzo senegalese di 34 anni e barese d’adozione che sabato scorso ha fermato un rapinatore armato di coltello (la vicenda è stata raccontata anche su Cosmopolismedia), mi consente di riaffrontare il problema dell’immigrazione. Sotto diversi punti di vista. Quello politico-istituzionale: nonostante la precarietà e la poca stabilità del nuovo Parlamento, già presentate 18 proposte per dare la cittadinanza ai figli dei cittadini stranieri nati in Italia. Quello politico collegato, purtroppo, alla cronaca nera, con vicende che destano angoscia ogni volta ma poi puntualmente non vengono affrontate come si deve. E’ l’ennesima storia di uno sbarco di migranti (qui) finito in tragedia (qui). Quello economico: è indubbio che con la crisi economica vigente, ovunque in Europa, facciano la parte dei leoni i “signori del profitto”. Giungono in Italia gli imprenditori russi con le loro varie attività commerciali. Quello sociale: la speranza di un (altro) ragazzo senegalese che grazie alla musica si sta costruendo un avvenire anche professionale.

I migranti e i cittadini di origine straniera non sono marziani. Sono, molti di loro, (già) italiani. E, non soltanto per questo, devono essere trattati per quel che sono: nostri fratelli con i quali costruire un presente e un futuro migliore. Un tempo nel quale la differenza culturale e sociale sia un valore che arricchisca tutti. Con il pregiudizio “straniero=criminale” estirpato per sempre dalla nostra dialettica e dalla nostra testa. Prima lo capiamo, meglio sarà. Per tutti. E per l’Italia. E per l’Europa.

Un eroe. Ho fatto una buona azione

Annunci

Cala il sipario: tutti i vincitori del Bifest 2013

Li trovate qui, con le dichiarazioni di alcuni dei protagonisti. Di seguito l’articolo uscito ieri su Epolis.

Ferretti_Il cinema più reale della realtà

Il cinema umile dell’eclettico Tavernier

Omaggio a Tavernier

 

Il mito di Hannah Arendt per i più giovani

Hannah Arendt

La comicità di Verdone al Bifest2013

Verdone al Bifest: l’articolo in pdf

Verdone al Bifest

La vita è un sogno che il cinema può realizzare

Al via nei giorni scorsi, a Bari, la quarta edizione del Bifest. Il Bari International Film Festival è una rassegna culturale a tutto tondo non essendo strutturata soltanto sulla proiezione di documentari, lungo/cortometraggi in concorso, ma promuovendo anche performance teatrali, laboratori, momenti didattici per le scolaresche e spettacoli musicali. Il Bifest 2013 è dedicato a Federico Fellini, ad Alberto Sordi e a Mariangela Melato. Alla memoria di Federico Fellini, al suo genio e alla sua creatività, oltre alla mostra di disegni onirici ideata e curata dalla nipote Francesca Fabbri Fellini, è dedicato un festival nel festival: ossia documenti inediti e pellicole che hanno fatto la storia del nostro cinema italiano trasmesse per tutti i cultori e non solo del genere. La stessa attenzione è stata riservata ad Alberto Sordi, uno dei più grandi attori italiani del dopoguerra. Il Premio Fellini all’eccellenza cinematografica o artistica, inoltre, è stato consegnato in questi primi giorni e sarà consegnato nei prossimi ai grandi protagonisti non solo italiani dell’attuale panorama cinematografico. Una delle lezioni di cinema più interessanti, fino ad oggi, è stata quella con il regista inglese Stephen Frears. In foto uno stralcio dell’articolo uscito oggi su Epolis.

La vita è un sogno e il cinema aiuta a farlo diventare realtà

Qui il pdf integrale di tutto l’articolo, in cui parlo anche dell’arrivo a Bari, con Marco Bellocchio, di Beppino Englaro.

Beppino Englaro a Bari

I Sogni di Federico Fellini a Bari

Il Libro dei Sogni

Giovedi scorso, in anteprima per la stampa, presso la Sala Murat di Bari, si è tenuta la presentazione della mostra dei disegni del grande Federico Fellini, curata e promossa dalla nipote Francesca Fabbri Fellini. Tale evento, di fatto, apre la quarta edizione del Bifest, il Bari International Film Festival. Di seguito il mio articolo per Epolis.

I disegni di Federico Fellini colorano il Bifest 2013

 

Il reportage su San Girolamo

Lungomare

Ecco l’approfondimento uscito su Epolis qualche giorno fa.

Reportage San Girolamo

P.S. Di questo quartiere, come sanno gli amici che leggono questo blog, ho parlato e scritto spesso. A questo proposito, infatti, ricordo quest’ultimo e relativamente recente articolo, e il seguente, sempre tratto da Epolis, integrato da quest’altro.

Il Museo della Fotografia di Bari

Credo sia una bellissima esperienza essendo la fotografia, soprattutto con l’avvento delle tecnologie digitali, uno strumento potentissimo di comunicazione. Dotato di un proprio linguaggio, di una propria autonomia. Come la scultura, la poesia, la musica. Per cercare di capire qualcosa in più, ho incontrato, qualche giorno fa, per Epolis, Pio Meledandri Direttore del Museo della Fotografia del Politecnico di Bari.

Il Museo della Fotografia_L'immagine del volontariato

“Vogliamo l’interramento dei binari”

copertina palese

Nodo ferroviario, decentramento amministrativo, migranti del Cara che si prostituiscono nelle campagne desolate, assenza di una politica culturale mirata alla rigenerazione sociale. Sono questi i temi principali oggetto del reportage su Palese, che condivido integralmente, e per come pubblicati sull’edizione odierna di Epolis.

Le puntate precedenti: Loseto e Ceglie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: