Archivi delle etichette: Satira

Bentornata Sabina

Dopo nove anni, con una tramissione in stile Raiot, dal titolo “Un due tre stella“, Sabina Guzzanti torna in tv. Finalmente. Per poterla rivedere era necessario, evidentemente, che cadesse politicamente B. Solo in un Paese con una limitata libertà d’informazione poteva accadere una cosa simile.

Annunci

Ridiamoci su..

Equilibri informativi

L’aspetto più comico, nel nuovo editto bulgaro, è il richiamo ai «necessari e doverosi riequilibri informativi, specificatamente in ordine ai servizi andati in onda dall’Abruzzo».

La trasmissione di Santoro, con tutti suoi difetti, oggi va difesa proprio perché alla Rai sono parecchio violati esattamente quei «riequilibri informativi» a cui fanno riferimento i vertici di viale Mazzini.

La Rai (non parliamo di Mediaset) è stata nei giorni del dopo terremoto molto, ma molto simile alla tivù birmana dopo il ciclone Nargis: enorme spazio ai papaveri del regime in visita, esaltazione acritica sul funzionamento dei soccorsi, promesse irrealizzabili sparse a ritmo serrato.

Mi chiedo quali «equlibri informativi» abbiano visto i vertici Rai nelle altre trasmissioni sul terremoto.

Una nota a parte per l’allontanamento di Vauro, se possibile ancora più vergognoso: con l’ipocrita motivazione della «pietà per i defunti» (è stato punito per la vignetta qui sopra) si realizza la più classica e autoritaria censura della satira.

Comunque, non è che l’inizio. Fra poco arrivano i nuovi direttori dei Tg, e allora vedremo da vicino che cosa intenda la maggioranza per «equlibri informativi».

Equilibri informativi, Alessandro Gilioli, Piovono Rane, L’Espresso

Sincerità

Sabina sabina sabina


Buon pomeriggio a tutti.

Nel comunicare che è possibile registrarsi come lettori di questo blog attraverso la funzione che si trova scorrendo le voci presenti sulla destra di questo diario, volevo oggi concedere un meritato, ritengo, tributo a Sabina Guzzanti (il suo nuovo sito è fantastico..) che giovedi scorso è tornata in video grazie a Michele Santoro che le ha concesso l’opportunità, attraverso Annozero, di tornare a fare quello che sa fare meglio: Satira.

Una satira pungente, una satira encomiabile per mezzo della quale gli italiani hanno potuto intravedere anche uno spiraglio di Informazione ottenuto per mezzo di battute e di una ironia che solo una principessa della comicità poteva rendere con tale virtuosismo.

Una Sabina di cui l’Italia e gli italiani hanno bisogno e di cui invece non possono godere sin da quando è stata censurata su Raitre con il suo programma Raiot per le verità che ivi venivano raccontate e illustrate.

Una Sabina che fortunatamente, però, con il suo nuovo Tour “Vilipendio” (qui sono indicate tutte le date fino ad oggi disponibili) attraverserà il paese e sarà fruibile per quanti ne sentano la mancanza.

Non lasciamola sola, ma anzi sosteniamola nella sua battaglia “Outing Civile” (consistente praticamente nel registrare – chiunque di noi può farlo – attraverso una telecamerina quello che succede nelle nostre città e che desta particolari preoccupazioni potendo cosi denunciare misfatti, menzogne, omertà, ecc..) perchè, come sempre provo a sostenere anche io, la “Ripresa” del nostro Paese passa soprattutto da noi..

Grazie Sabina!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: